Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1280 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #1980bd [link_color_hover] => #ff9f01 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Raleway [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 800 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 800 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 800 [body_line_height] => 1.8 [heading_2_line_height] => 1.6 [underline_links] => never [use_dynamic_typography] => [header_background_color] => #ffffff [site_title_color] => #222222 [site_tagline_color] => #757575 [content_background_color] => #ffffff [entry_meta_text_color] => #595959 [sidebar_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_title_color] => #000000 [footer_text_color] => #ffffff [footer_link_color] => #ffffff [form_background_color] => #fafafa [form_text_color] => #666666 [form_background_color_focus] => #ffffff [form_text_color_focus] => #666666 [form_border_color] => #cccccc [form_border_color_focus] => #bfbfbf [font_manager] => Array ( [0] => Array ( [fontFamily] => Raleway [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700,700italic ) [1] => Array ( [fontFamily] => Montserrat [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700italic,800,800italic ) ) [typography] => Array ( [0] => Array ( [selector] => body [fontFamily] => Raleway [lineHeight] => 1.8 [module] => core [group] => base ) [1] => Array ( [selector] => main-title [fontSize] => 45 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => header ) [2] => Array ( [selector] => h1 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 40 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) [3] => Array ( [selector] => h2 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 30 [fontSizeUnit] => px [lineHeight] => 1.6 [module] => core [group] => content ) [4] => Array ( [selector] => h3 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 20 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) ) )

Si può patteggiare con l’Agenzia delle Entrate Riscossione?

E’ possibile patteggiare con l’Agenzia delle Entrate Riscossione?

Patteggiare con l’Agenzia delle Entrate Riscossioni è una delle possibilità che vengono in mente quando si ha un grosso debito con questo istituto.

E’ possibile avviare un patteggiamento con Agenzia delle Entrate Riscossione?

Per poter rispondere correttamente a questa domanda, dobbiamo prima capire qual è la figura di questo istituto e come funziona.

Agenzia delle Entrate Riscossione già Equitalia, non è un istituto che incassa somme per conto proprio, ma per conto di altri istituti. 

Per capirci meglio è come un recupero crediti per conto dello Stato.

INPS, INAIL, ADE e altri enti che non hanno incassato regolarmente le somme dai cittadini, non agiscono direttamente nei loro confronti, ma danno mandato ad Agenzia delle Entrate Riscossione per ottenere quello che gli spetta.

C’è da dire che i debiti inoltrati ad ADER vengono maggiorati di sanzioni e interessi, proprio in virtù di mancati pagamenti quando dovuti.

Su questo stesso principio, Agenzia delle Entrate Riscossione, aumenterà il valore del debito man mano che il tempo trascorre e il debitore non salda il suo debito!

Cosa succede se si hanno debiti con Agenzia delle Entrate Riscossione?

Fin tanto che la posizione debitoria è con l’istituto originario (ad esempio contributi con INPS o IRPEF con ADE), la somma da versare è ancora quella dovuta con maggiorazioni minime; ma il passaggio all’ente riscossore (ADER), fa crescere in modo importante il debito!

Il passaggio ad Agenzia delle Entrate Riscossione non comporta solo un aumento del debito, ma lo rende ancora più pericoloso.

Quando si hanno debiti con ADER questi comportano dei rischi e dei pericoli ancora più importanti rispetto al debito stesso.

Non pagare Agenzia delle Entrate Riscossione significa rischiare:

  • Cartelle esattoriali - ovvero quei brutti documenti che si ricevono proprio quando Equitalia pretende da noi somme da pagare;
  • Pignoramenti di beni - Proprio come un normalissimo recupero crediti, anche ADER se non incassa procede al pignoramento di beni mobili, beni immobili e conti correnti;
  • Fermi amministrativi - non sempre i mezzi vengono pignorati immediatamente, alle volte l’istituto procede con il fermo amministrativo prima del pignoramento vero e proprio;
  • Asta - significa perdere definitivamente il bene, immobile, automezzo o bene mobile che sia, perché venduto all’asta per pagare il debito;
  • Iscrizione ipoteca - è noto che la prima casa, se unico immobile, se non immobile di lusso e se casa di residenza, non può essere pignorata, ma questo non esenta la casa dall’iscrizione dell’ipoteca che sarà cancellata solo al pagamento del debito, oppure, al momento del decesso del proprietario la casa va all’asta.

In tutti i casi, quello che l’esperienza mi insegna, è che quando si arriva a subire questi passaggi, iniziano sempre grandi dolori e problemi per la persona.

Ed ecco perché si inizia a pensare di patteggiare con Agenzie delle Entrate Riscossioni!

Si può patteggiare con l’Agenzia delle Entrate Riscossioni?

Quando si ha un debito con una banca o con una finanziaria, potendoselo permettere, si pensa di aprire un negoziato per un patteggiamento.

Il più noto è il cosiddetto saldo e stralcio.

Agenzia delle Entrate Riscossione, benché si comporti come un’agenzia di recupero crediti, non ha la facoltà di patteggiare con il debitore.

Il mandato che riceve da parte degli istituiti di Stato è semplicemente quello di incassare, con le buone o con i pignoramenti!

Tutte le soluzioni che si sono viste in questi ultimi anni, rottamazioni e saldi a stralcio, sono delle operazioni che lo stesso Stato ha istituito attraverso norme specifiche.

L’ultima, in ordine temporale, è stata la Rottamazione Quater, sulla quale al momento mi astengo dal dare giudizi e considerazioni, perché dovrei scriverci un articolo a parte e non ne vale la pena!

Diciamo solo che la rottamazione, in modo semplice, prevedeva uno sconto sul totale dovuto, potendo rateizzare l’importo calcolato.

Questo è stato un vantaggio per quelle persone e imprenditori che si trovavano nella posizione di poter pagare le tasse, ma un vero capestro per chi invece non poteva e si è illuso che in questo modo riuscirà a risolvere i suoi problemi.

In un prossimo futuro purtroppo vedremo che molti dei partecipanti alla rottamazione quater, non potendo mantenere i pagamenti rateali, si ritroveranno in problemi molto più gravi del debito originario con ADER.

Come fare a togliere i debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossione?

Lo abbiamo appena visto, patteggiare non è possibile con Agenzia delle Entrate Riscossione, non ha il mandato di incassare negoziando con il creditore.

Le possibilità che rimangono, per chiudere i debiti con ADER sono:

  1. Saldare i propri debiti pagando fino all’ultimo centesimo;
  2. Saldare i propri debiti con i benefici della legge contro il sovraindebitamento.

Per agevolare i pagamenti, lo Stato mette a disposizione la rateizzazione dei debiti. Basta richiederla ad un qualsiasi sportello ADER per avere tutti i debiti spalmati in rate di più anni.

I debiti vanno pagati e quando questo non viene fatto il creditore applicherà maggiori costi al debito originario, in particolare Equitalia continuerà a maggiorare il debito di sanzioni, interessi e costi.

Questo rende i debiti non pagati con Agenzia delle Entrate Riscossione sempre più difficili da poter chiudere.

Sono sempre di più le persone che si ritrovano con un debito che nel tempo è raddoppiato o comunque cresciuto in modo spropositato.

Fino a prima dell’introduzione della legge contro il sovraindebitamento, ognuna di queste persone, non potendo pagare, era destinata a rimanere indebitata a vita con l’Agenzia delle Entrate Riscossione.

Molto spesso, nemmeno le rottamazioni permettevano di chiudere i debiti, perché i conteggi di questi condoni rispondono a dei parametri precisi che non tutti possono affrontare.

In questi casi l’unica vera soluzione è proprio la legge contro il sovraindebitamento perché permette di poter pagare il proprio debito in modo civile, mettendo a disposizione quello che si ha per un periodo di tempo ragionevole.

Il principio è molto semplice, qualsiasi cifra al di fuori della portata del debitore, che  diventa impossibile da pagare, non gli permetterà mai di chiudere il suo debito.

In questo modo la persona si ritroverà indebitata per il resto della vita senza poter mai chiudere la sua posizione.

Questo lo porterà a subire pignoramenti di ogni tipo: dai redditi ai beni immobili, dai conti correnti ai beni mobili.

Quello che si prospetta è un futuro fatto di debiti e di pignoramenti, questo significa una condanna per la persona e per la sua famiglia a non poter mai risolvere questo problema!

La legge contro il sovraindebitamento permette a chiunque si trovi in questa condizione, di poter chiudere tutti i suoi debiti, compresi quelli con Agenzia delle Entrate Riscossione.

Qualunque sia il debito e indipendentemente da quale cifra si possa mettere a disposizione. 

Requisito di base è quello di essere in sovraindebitamento, ovvero di ritrovarsi nella condizione di non potere pagare i propri debiti!

[Storia vera] La storia di Abdelaziz che è riuscito a liberarsi dei debiti con l’Agenzia delle Entrate Riscossioni

Qualunque sia la ragione che ha fatto generare i debiti con i creditori, questi hanno il diritto ad incassare il loro credito.

Lo stesso vale per i debiti con Agenzia delle Entrate Riscossioni, proprio come accaduto ad Abdelaziz che, a causa del suo commercialista, si è ritrovato con un enorme debito con Equitalia.

Abdelaziz appena arrivato in Italia, si è messo subito a lavorare.

Ha avviato la sua attività artigiana e, essendo straniero, si è affidato ad un commercialista per avere tutto in regola.

Abdelaziz si preoccupava, giustamente, di fare bene il suo lavoro e, non essendo pratico di numeri né di tasse, ha fatto l’errore di fidarsi di quello che si è presentato come un professionista!

Situazioni come la sua ce ne sono tantissime e spesso valgono anche per gli italiani. 

Il nostro sistema fiscale è molto complicato, per questo ci affidiamo ai consulenti, ma quando questi sono degli incapaci, ad andarci di mezzo sono solo le persone che lavorano!

Nel frattempo che i debiti si accumulavano a sua insaputa, Abdelaziz ha anche un periodo di malattia che aggrava tutta la sua situazione.

A quel punto preferisce chiudere l’attività e lavorare per conto di altri ma i debiti continuavano a crescere rendendosi sempre più pesanti per lui.

Abdelaziz, arrivato in Italia pensando di poter rendersi utile ed avere una vita serena, si è ritrovato a soffrire per una situazione debitoria non causata da lui.

Fino a quando non ha trovato Legge3.it con cui ha risolto il problema definitivamente!

Guarda il video dell’intervista di Abdelaziz e ascolta come ha risolto il suo problema definitivamente!

Abdelaziz è una persona sincera ed aperta, la fiducia nelle persone per lui è importante.

La stessa fiducia che è stata tradita dal commercialista che lo ha messo nei guai, Abdelaziz l’ha risposta nel nostro Specialista e in Legge3.it fidandosi del fatto che lo avremmo aiutato.

La sua completa fiducia è stata ben riposta perché ha ricevuto l’omologa da parte del giudice che gli sta permettendo di ripagare il suo debito in modo dignitoso e per un periodo di tempo di soli 4 anni!

Testimonianze Clienti

Sono molte le storie di clienti soddisfatti che possiamo raccontare, al momento siamo arrivati a 190 persone aiutate.

Di queste molte le ho raccontate nel libro Fatti e Non Parole.

Nel libro ho voluto raccontare molte storie diverse tra loro, proprio per voler dare evidenza a tutte le tipologie di persone in estrema difficoltà, che si sono rivolte a noi e che hanno risolto i loro problemi!

Fatti e Non Parole è un libro che puoi scaricare gratuitamente anche in formato PDF sul tuo computer o sul tuo telefono, ti basta cliccare sull’immagina qui di fianco per averne una copia completa senza dover rilasciare alcun dato.

Fatti e Non Parole contiene le storie, ma anche le sentenze che queste persone hanno ricevuto e le loro lettere di ringraziamento che ci hanno scritto.

A conferma di tutto nel libro sono riportati anche molti articoli di giornale, molti dei quali hanno parlato delle sentenze legate proprio alle storie.

Per Legge3.it è importantissimo portare sempre a conoscenza di tutti i risultati positivi raggiunti, in questo modo siamo certi di poter dare speranza a chi oggi soffre per i troppi debiti!

Rimani aggiornato seguendoci sui social, clicca sull’immagine in basso e scegli il social che preferisci!

 

   

 

La Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati

In tutte le storie dei nostri clienti potrai notare il denominatore comune della serenità di essersi rivolti a noi!

Questo grazie alla Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati!

In Legge3.it ci assumiamo la responsabilità del lavoro che svolgiamo e questo ci porta a rimborsare ogni singola pratica che non portiamo a buon fine!

Ad oggi abbiamo liberato ben 190 persone da 90.527.000 € di debiti che non avrebbero mai potuto pagare!

Questo dato rappresenta il 100% dei risultati positivi, senza nemmeno un rigetto!

Nessuno di loro è in grado di assumersi questa responsabilità, perché nessuno sviluppa e segue la tua pratica di legge contro il sovraindebitamento per come va fatta davvero.

E’ importante sapere che il 72% delle pratiche di legge contro il sovraindebitamento che vengono presentate nei tribunali italiani, vengono rigettate perché sono state lavorate male!

Legge3.it è l’unica realtà a poter vantare il 100% delle pratiche portate a buon fine!

Siamo talmente sicuri di poterti far ottenere il risultato desiderato che mettiamo per iscritto la Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati.

Significa che se la tua pratica viene per un qualsiasi motivo rigettata, noi ci assumiamo la piena responsabilità e ti restituiamo fino all’ultimo centesimo!

Prenota una consulenza gratuita con gli Specialisti Legge3.it

Per capire esattamente come comportarti nel momento in cui ti ritrovi in stato di sovraindebitamento anche di debiti verso lo Stato, hai bisogno di consultare consulenti specializzati.

Devi rivolgerti ad un vero professionista che ti sappia ascoltare, che sappia comprendere le tue reali esigenze e che sappia esattamente cosa è meglio fare nel tuo caso. 

Gli Specialisti di Legge3.it sono i professionisti più preparati che tu possa trovare in Italia, questo perché in Legge3.it dedichiamo allo studio e alla preparazione di ogni consulente centinaia di ore di formazione.

Per poter ottenere la tua consulenza gratuita chiama adesso il Numero Verde

Il numero è sempre attivo, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. 

Chiama in qualsiasi momento e prenota la tua consulenza gratuita... oppure compila il modulo di contatto che trovi qui in basso.

In appuntamento riceverai un mio personale omaggio che ti sarà certamente molto utile per aiutarti a risolvere il tuo enorme problema di sovraindebitamento.

Buona vita!

 

Gianmario Bertollo

Modulo Richiesta Informazioni

Nominativo(Obbligatorio)

Dati personali(Obbligatorio)
ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di richiesta informazioni e/o richiesta di consulenza gratuita.
Leggi l'informativa completa. (Specifichiamo che il conferimento dei dati da parte degli utenti è facoltativo, ma è tuttavia indispensabile per l'invio delle informazioni da Lei richieste.)

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di Marketing (newsletter, ricontatto)
Acconsenti(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento