Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1280 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #1980bd [link_color_hover] => #ff9f01 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Raleway [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 800 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 800 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 800 [body_line_height] => 1.8 [heading_2_line_height] => 1.6 [underline_links] => never [use_dynamic_typography] => [header_background_color] => #ffffff [site_title_color] => #222222 [site_tagline_color] => #757575 [content_background_color] => #ffffff [entry_meta_text_color] => #595959 [sidebar_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_title_color] => #000000 [footer_text_color] => #ffffff [footer_link_color] => #ffffff [form_background_color] => #fafafa [form_text_color] => #666666 [form_background_color_focus] => #ffffff [form_text_color_focus] => #666666 [form_border_color] => #cccccc [form_border_color_focus] => #bfbfbf [font_manager] => Array ( [0] => Array ( [fontFamily] => Raleway [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700,700italic ) [1] => Array ( [fontFamily] => Montserrat [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700italic,800,800italic ) ) [typography] => Array ( [0] => Array ( [selector] => body [fontFamily] => Raleway [lineHeight] => 1.8 [module] => core [group] => base ) [1] => Array ( [selector] => main-title [fontSize] => 45 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => header ) [2] => Array ( [selector] => h1 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 40 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) [3] => Array ( [selector] => h2 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 30 [fontSizeUnit] => px [lineHeight] => 1.6 [module] => core [group] => content ) [4] => Array ( [selector] => h3 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 20 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) ) )

Cosa fare in caso di sovraindebitamento di una ditta individuale?

Il sovraindebitamento della ditta individuale rappresenta una condizione gravosa che paralizza completamente le attività economiche del titolare.

Gli sottrae non solo la serenità professionale ma anche quella personale. 

E’ perfettamente naturale che il titolare di una ditta individuale cerchi vie legali per liberarsi dai debiti e riprendere il pieno controllo della sua vita professionale e privata.

In Italia, la legge offre strumenti efficaci come le procedure di sovraindebitamento ai sensi del Codice della Crisi introdotte dalla legge 3/2012. 

Questa normativa è stata pensata proprio per aiutare gli imprenditori, a pianificare una strategia di uscita dalla crisi che mantenga il rispetto per il debitore.

Avvalersi di queste procedure legali è un diritto ed una scelta responsabile che permette al titolare della ditta individuale di tornare ad avere stabilità finanziaria e, se possibile, garantire la continuità dell’attività imprenditoriale. 

Benché siano rivolte a tutte le ditte individuali, le procedure contro il sovraindebitamento hanno una soglia di accesso non adatta a tutti!

Iniziare questo percorso richiede la comprensione delle proprie condizioni finanziarie, una valutazione degli obblighi esistenti e la volontà di lavorare insieme a professionisti qualificati. 

La chiave è agire tempestivamente, avvalendosi di consulenti realmente esperti in sovraindebitamento.

Cosa si intende per crisi da sovraindebitamento di una ditta individuale?

La crisi da sovraindebitamento di una ditta individuale si ha quando le passività superano l'attivo disponibile, trovandosi nell’impossibilità di poter pagare i debiti correnti. 

Purtroppo sappiamo benissimo che le cause fanno riferimento a crisi economiche di portata mondiale che hanno minato e distrutto il sistema economico-finanziario del paese. 

Gli ultimi 15 anni sono stati colpiti in modo serio da crisi molto profonde:

  1. La crisi economica del 2008 ha segnato profondamente l'economia globale, riducendo l’utilizzo del credito, obbligando imprenditori e imprese a coprire fidi e prestiti in tempi impossibili, al punto da mandare in fallimento migliaia e migliaia di imprese nel giro di poco tempo!
  2. La crisi del 2012, particolarmente sentita in Europa e ancor di più in Italia, ha portato a politiche di austerità, aumento delle tasse e riduzione della spesa pubblica, ha influenzato negativamente gli investimenti e la liquidità delle imprese.
  3. La pandemia è stato un evento senza precedenti che ha interrotto le catene di produzione e approvvigionamento, ha ridotto drasticamente i flussi di cassa a causa del calo della domanda e dell'attività economica.
  4. La crisi ucraina con le tensioni geopolitiche, hanno tagliato le esportazioni verso la Russia, causando il crollo di aziende che hanno creato scompensi su tutto il sistema economico finanziario, causando altri momenti di crisi profonda.
  5. La crisi energetica, attribuita alla crisi ucraina, tuttavia pilotata dai mercati finanziari dell’energia, ha portato a un aumento dei costi operativi per le imprese, minando ulteriormente la loro stabilità finanziaria.
  6. L'aumento dei tassi d'interesse da parte della BCE ha reso più pesante il servizio del debito per le imprese, specialmente quelle già indebitate, complicando ulteriormente la gestione della liquidità e degli impegni finanziari.

 

Dal punto di vista tecnico, la crisi da sovraindebitamento si verifica quando una ditta individuale non è più in grado di pagare i propri debiti con le risorse economiche a disposizione. 

Questo porta ad una erosione del suo patrimonio, indebolendo sempre più il titolare della ditta individuale e facendolo entrare in un circolo vizioso dal quale non ha via di scampo se non interviene in modo corretto!

Per una ditta individuale, riconoscere i segnali di una crisi imminente è fondamentale, in questo modo avviare le procedure previste dalla legge 3/2012 in tempo, può fare la differenza sull'esito della stessa procedura.

crisi da sovraindebitamento ditta individuale

Come risolvere il sovraindebitamento di una ditta individuale grazie alla legge

Risolvere il sovraindebitamento di una ditta individuale può sembrare un processo complesso, ma grazie alla legge 3/2012 è possibile trovare una soluzione efficace e relativamente semplice. 

Questa norma mette a disposizione di imprenditori in difficoltà la possibilità di risolvere i loro problemi, liberandoli definitivamente dei loro debiti.

Il principale beneficio delle procedure è la possibilità di "ripulire" la situazione debitoria della ditta. 

Attraverso il concordato minore, l'imprenditore ha l'opportunità di negoziare condizioni più sostenibili, come la riduzione dell'importo del debito e la dilazione dei pagamenti. 

In alternativa la liquidazione del patrimonio viene incontro a quei debitori che non sono nelle condizioni di proporre il concordato minore o nel caso in cui questo non venga accettato.

In entrambi i casi l’imprenditore, mettendo a disposizione quello che può, soddisfa i creditori in maniera e ottiene l’alleggerimento del carico debitorio.

La procedura necessita di professionisti veramente esperti in procedure di sovraindebitamento facendo attenzione ai tanti falsi esperti che possono danneggiare chi si imbatte in loro.

Con le procedure contro il sovraindebitamento, si ha la possibilità concreta di "ripartire pulito". 

Questo gli permette di concentrarsi pienamente sul rilancio e sullo sviluppo della sua attività, o su qualsiasi altro progetto imprenditoriale, senza il peso dei debiti che lo affliggevano prima.

Le procedure previste dalla legge 3/2012 rappresentano una reale opportunità di riscatto per le ditte individuali sovraindebitate. 

Offrendo agli imprenditori la possibilità di recuperare la loro libertà operativa e di guardare al futuro con speranza.

Quali ditte individuali rientrano nella legge sul sovraindebitamento?

Le ditte individuali che possono usufruire delle procedure contro il sovraindebitamento sono praticamente tutte. 

Esiste un solo limite, ovvero non bisogna superare le soglie previste affinché non si abbiano più i requisiti di accesso. 

Può accedere alle procedure contro il sovraindebitamento, qualsiasi ditta individuale che negli ultimi tre anni non abbiano superato questi 3 parametri:

  1. Patrimonio entro i 300.000 €
  2. Fatturato sotto i 200.000 €
  3. Debiti entro i 500.000 €

Il superamento di una sola di queste soglie, nell’arco degli ultimi 3 anni, esclude la persona dai benefici delle procedure contro il sovraindebitamento e le obbliga a sottoporsi ad altri procedimenti molto più rigidi e restrittivi.

sovraindebitamento ditta individuale 2

La storia di Marco che è riuscito a liberarsi da 280.000 € di debiti grazie alla legge 3

Marco è un ex imprenditore che ha dovuto chiudere la sua attività a causa della concorrenza sleale e della crisi del mercato.

Prima di ritrovarsi in questa condizione, aveva acquistato la casa con mutuo che stava pagando regolarmente.

Ma, non avendo più il reddito che aveva in precedenza e, visto che si stava trasferendo per trovare lavoro altrove, ha pensato di affittare la casa e con le somme pagare il mutuo.

Sembrava un buon piano se non fosse stato che gli inquilini hanno cominciato a non pagare il mutuo e, per completare l’opera, hanno danneggiato l’immobile con un incendio che ha bruciato parte della casa.

A quel punto Marco, senza più poter utilizzare la casa per darla in affitto, si è trovato in difficoltà con le rate del mutuo.

Il suo debito, venduto dalla banca ad una società di recupero, è cresciuto e Marco ha provato a chiedere al creditore di pagare gli arretrati e riprendere il mutuo in modo regolare, visto che si era ritrovato nella condizione di poterlo fare, ma il creditore si è rifiutato.

Ha intimato a Marco il saldo immediato e, non potendo questi pagare, si è visto mettere la casa all’asta.

Marco non si è arreso, ha trovato un compratore che avrebbe acquistato la casa per 60.000 € e lo stesso Marco avrebbe aggiunto altri 20.000 € in favore del creditore, ma questo si è rifiutato spingendo verso l’asta.

Alla fine la casa è stata venduta all’asta per appena 36.000 €

Avendo compreso quali fossero le intenzioni del creditore, Marco si è dato da fare per trovare una soluzione definitiva e la sua ricerca impegnativa lo ha portato fino a Legge3.it

 

Guarda la testimonianza video di Marco in cui racconta come ha scongiurato la tragedia economica

Marco nella sua ricerca per liberarsi da tutti i problemi di sovraindebitamento si è imbattuto in incapaci e truffatori che lo avrebbero rovinato per sempre con false soluzioni e lo avrebbero trascinato per sempre nel baratro!

Ecco perché è sempre importante sapere con chi si ha a che fare, per farlo bisogna sempre accertarsi dei fatti!

Testimonianze Clienti

Fatti e Non Parole è uno dei motti a cui Legge3.it si ispira da sempre, ma è anche il titolo del libro che contiene le storie di molti nostri clienti.

Storie di successo che puoi leggere anche tu adesso, cliccando sull’immagine qui di fianco e scaricando gratuitamente l’intero libro.

Puoi averlo sul tuo telefono o sul tuo computer, in modo completamente gratuito e senza dover rilasciare alcun dato.

Fatti e Non Parole non si limita a raccontare le storie di successo, ma mostra le prove concrete.

Nel libro potrai trovare tutte le sentenze dei tribunali italiani che hanno liberato i protagonisti, ma anche le loro lettere di ringraziamento dove esprimono la loro gratitudine per averli aiutati ad uscire dal tunnel del sovraindebitamento.

 

Da sempre Legge3.it punta sulla comunicazione e sulla divulgazione delle norme contro il sovraindebitamento, questo ci porta ad essere presenti su diversi social sui quali, ogni giorno, informiamo sui risultati che facciamo ottenere ai nostri clienti.

Rimani aggiornato sulle le novità e sulle nuove sentenze che riceveranno i nostri clienti, clicca sulle icone in basso e seguici sui social

 

   

 

La Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati

Legge3.it punta solo ed esclusivamente a risultati concreti!

Ogni pratica deve ottenere il risultato per il quale il cliente si è rivolto a noi!

Fino ad oggi abbiamo liberato 231 persone da 104.238.000 € di debiti, mantenendo il 100% di casi di successo!

Per Legge3.it dietro ogni incarico c’è una famiglia che sta soffrendo e questo significa che se si è rivolto a noi vuole certezza di risultato.

Dietro ogni incarico c’è la certezza matematica che la pratica andrà a buon fine!

Questo lo mettiamo per iscritto dando la Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati.

Una pratica di legge contro il sovraindebitamento non è un tentativo a casaccio, deve essere analizzata in ogni minima parte prima di essere presentata.

Si tratta di una procedura che risponde a specifiche caratteristiche e requisiti, se manca anche solo un requisito la procedura non passa e viene rigettata dal giudice.

Analizziamo scrupolosamente ogni singola pratica fin dal primo momento per essere assolutamente certi che tutto sia perfetto. 

Ogni cosa viene controllata più volte proprio perché non deve accadere che la pratica venga rigettata.

Se la pratica venisse rigettata la responsabilità sarebbe nostra e in questo caso non può essere il cliente a pagare per un nostro errore.

In questo caso restituiremo ogni singolo centesimo proprio grazie alla Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati.

Servizio Sicuro Verificato Il Salvagente

Su ogni testimonianza video è presente, in basso sulla destra, il bollino Testimonianza Reale Verificata Il Salvagente.

Si tratta di una verifica a completa tutela del cliente fatta dalla storica rivista che tutela i diritti del consumatore “Il Salvagente”.

Siamo l’unica azienda del settore con il bollino de Il Salvagente e lo abbiamo ormai da 6 anni. 

Per rilasciarlo la struttura de Il Salvagente, verifica tutta la documentazione che riguarda i clienti.

Per poter applicare quel bollino alla testimonianza è necessario che questa sia verificata da Il Salvagente:

  • Verifica che le persone sono vere,
  • Verifica che la sentenza sia reale e rispondente alla persona,
  • Verifica che quello che raccontano è coerente con la loro storia,
  • Verificano che tutto sia reale!

Del bollino Servizio Sicuro Verificato Il Salvagente andiamo molto fieri perché attesta la completa trasparenza del lavoro di Legge3.it

Prenota una consulenza gratuita con gli Specialisti Legge3.it

Quando si è in stato di sovraindebitamento diventa impossibile scongiurare le tragedie economiche.

Queste si presentano e minacciano di trascinare nel baratro più profondo chiunque si trovi in questo stato.

Per potersi salvare da questa condizione esiste solo un modo, accedere ai benefici delle norme contro il sovraindebitamento.

Per farlo non devi rivolgerti ad improvvisati o pericolosi truffatori,

Chiama il Numero Verde

oppure compila il modulo di contatto che trovi in basso.

Il numero è attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7

Chiama subito e riceverai una consulenza gratuita con i nostri specialisti i quali valuteranno la tua situazione, controlleranno che tu abbia tutti i requisiti richiesti dalla legge e ti mostreranno qual è la strada corretta per risolvere in modo definitivo il tuo problema. 

Durante la consulenza riceverai un mio speciale omaggio che ti permetterà di comprendere lo stato della tua situazione e come poterla risolvere in modo definitivo e garantito.

Fai il tuo primo passo verso una nuova libertà, la consulenza è gratuita e senza impegno! 

Buona vita!

 

Gianmario Bertollo

 

Modulo Richiesta Informazioni

Nominativo(Obbligatorio)

Dati personali(Obbligatorio)
ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di richiesta informazioni e/o richiesta di consulenza gratuita.
Leggi l'informativa completa. (Specifichiamo che il conferimento dei dati da parte degli utenti è facoltativo, ma è tuttavia indispensabile per l'invio delle informazioni da Lei richieste.)

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di Marketing (newsletter, ricontatto)
Acconsenti(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento