Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1280 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #1980bd [link_color_hover] => #ff9f01 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Raleway [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 800 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 800 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 800 [body_line_height] => 1.8 [heading_2_line_height] => 1.6 )

Mi avete salvato la vita

Bertollo, grazie per avermi salvato la vita!

Questo il messaggio di Anselmo, a Natale, per farci gli auguri.

La sua vicenda non si era ancora conclusa, ma solo il fatto di sentirsi seguito da professionisti preparati lo aveva distolto dai brutti pensieri che in più occasioni erano passati per la sua mente.

Anselmo è un poliziotto e lavora in Sicilia, terra dove capita anche di vedersi bruciata l’automobile se fai bene il tuo dovere.

I guai economici di Anselmo sono iniziati a causa di un cruento divorzio con accuse e contro accuse e soprattutto con un mutuo importante stipulato da pochi anni.

Per far fronte ai suoi impegni si è indebitato. Per pagare gli alimenti a moglie e figlio, per pagarsi un affitto, per ricomprarsi l’auto data alle fiamme…

Ad un certo punto non è più riuscito a pagare tutte le rate accumulate e allora sono scattati i pignoramenti sullo stipendio fino a dimezzarlo.

Sono scattate anche sanzioni disciplinari per l’indebitamento, sanzioni che contribuivano ad aumentarlo.

L’ammontare dei debiti ormai aveva superato i 250.000 euro.

Anselmo non si è dato per vinto, ha aumentato i turni di lavoro, si è fatto mettere più spesso nei turni notturni o festivi per guadagnare di più e vivere dignitosamente con la nuova famiglia.

Poi ha incontrato noi di LEGGE3.it e tutto è cambiato.

Ci si è messo di mezzo il Covid, lungaggini burocratiche e un giudice non proprio esperto in materia.

Abbiamo dovuto produrre le altre nostre sentenze ottenute in giro per i tribunali italiani e alla fine quel giudice ha capito e ha dato il suo benestare al piano proposto.

Anselmo mette a disposizione delle porzioni di immobili ricevuti in eredità (1/12 di un’abitazione, 3/16 di un terreno, 1/12 di un magazzino), il 50% dell’abitazione che aveva comprato con la ex moglie e che è già pignorato dalla banca e 250 euro al mese per i prossimi 5 anni che sono una cifra accettabile visto che il suo stipendio ritornerà ad essere libero da rate e da pignoramenti.

Un grande successo degli Specialisti di LEGGE3.it e dei legali che collaborano con noi.

Una grande soddisfazione per Anselmo e la sua famiglia che potranno ritornare felici e sereni come meritano.