Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1280 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #1980bd [link_color_hover] => #ff9f01 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Raleway [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 800 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 800 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 800 [body_line_height] => 1.8 [heading_2_line_height] => 1.6 )

Grazie a metà abitazione cancella tutti i debiti che sono molto di più

Nel 2010 Michele e la compagna acquistano un’abitazione stipulando un mutuo di
200.000 euro con la Banca Popolare di Vicenza.

Michele nel 2013 apre un locale assieme ai genitori e alla compagna. All’inizio tutto sembra filare per il meglio. Poi però si incrinano i rapporti tra Michele e la sua lei.

La crisi amorosa si riversa naturalmente sulla gestione del locale che ovviamente risente della situazione e perde costantemente clienti e di conseguenza fatturato.

Nel 2015 l’attività viene ceduta ma i debiti accumulati sono troppo elevati e inoltre Michele resta per più di un anno senza un lavoro stabile e quindi senza entrate sufficienti per poter far fronte ai suoi impegni.

Nel periodo di attività si sono inoltre accumulati debiti nei confronti dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS oltre a numerosi fornitori.

I debiti che Michele si trova a dover affrontare (da solo perché la sua attuale moglie risulta disoccupata) sono in totale oltre 250.000 euro compreso il mutuo del quale risultano sospesi i pagamenti.

Quale sarà il futuro di Michele?

Michele riceve sia dalla banca che da un fornitore un atto di precetto, quindi presto avrà il pignoramento dell’immobile e la successiva vendita all’asta, e tutto ciò avrà le solite conseguenze deleterie soprattutto per i debitori: svendita della casa e ancora quasi tutti i debiti sulle spalle per il resto della vita.

Ma Michele ha la fortuna di incontrare noi di LEGGE3.it e soprattutto la bravura sua e dei suoi genitori, di riproporre nei nostri professionisti la necessaria fiducia.

Ora Michele mette a disposizione tutto il suo patrimonio e cioè il 50% dell’abitazione di cui è comproprietario insieme alla ormai ex compagna e si impegna a versare 300 euro al mese per i prossimi 4 anni, per contribuire il più possibile a ridurre i suoi debiti.

Il liquidatore avrà il compito di vendere la sua metà valutata ora molto meno dei 200.000 euro con cui l’avevano acquistata.

Il resto dei debiti verrà stralciato e Michele al termine del periodo di liquidazione potrà ottenere il certificato di Esdebitazione Totale.

Clicca l'immagine per ingrandire

File allegati