Array ( [hide_title] => 1 [hide_tagline] => 1 [logo] => [inline_logo_site_branding] => [retina_logo] => [logo_width] => 230 [top_bar_width] => full [top_bar_inner_width] => contained [top_bar_alignment] => right [container_width] => 1280 [container_alignment] => boxes [header_layout_setting] => fluid-header [header_inner_width] => contained [nav_alignment_setting] => left [header_alignment_setting] => left [nav_layout_setting] => fluid-nav [nav_inner_width] => contained [nav_position_setting] => nav-float-right [nav_drop_point] => [nav_dropdown_type] => hover [nav_dropdown_direction] => right [nav_search] => disable [content_layout_setting] => one-container [layout_setting] => no-sidebar [blog_layout_setting] => right-sidebar [single_layout_setting] => right-sidebar [post_content] => excerpt [footer_layout_setting] => fluid-footer [footer_inner_width] => contained [footer_widget_setting] => 1 [footer_bar_alignment] => right [back_to_top] => enable [background_color] => #ffffff [text_color] => #3a3a3a [link_color] => #1980bd [link_color_hover] => #ff9f01 [link_color_visited] => [font_awesome_essentials] => 1 [icons] => font [combine_css] => 1 [dynamic_css_cache] => 1 [font_body] => Raleway [nav_is_fixed] => 1 [structure] => floats [header_text_color] => #3a3a3a [header_link_color] => #3a3a3a [navigation_background_color] => #222222 [navigation_text_color] => #ffffff [navigation_background_hover_color] => #3f3f3f [navigation_text_hover_color] => #ffffff [navigation_background_current_color] => #3f3f3f [navigation_text_current_color] => #ffffff [subnavigation_background_color] => #3f3f3f [subnavigation_text_color] => #ffffff [subnavigation_background_hover_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_hover_color] => #ffffff [subnavigation_background_current_color] => #4f4f4f [subnavigation_text_current_color] => #ffffff [sidebar_widget_title_color] => #000000 [site_title_font_size] => 45 [mobile_site_title_font_size] => 30 [form_button_background_color] => #666666 [form_button_background_color_hover] => #3f3f3f [footer_background_color] => #222222 [footer_link_hover_color] => #606060 [entry_meta_link_color] => #595959 [entry_meta_link_color_hover] => #1e73be [blog_post_title_color] => [blog_post_title_hover_color] => [heading_1_font_size] => 40 [mobile_heading_1_font_size] => 30 [heading_1_weight] => 800 [heading_2_font_size] => 30 [mobile_heading_2_font_size] => 25 [heading_2_weight] => 800 [heading_3_font_size] => 20 [mobile_heading_3_font_size] => [heading_4_font_size] => [mobile_heading_4_font_size] => [heading_5_font_size] => [mobile_heading_5_font_size] => [font_heading_1] => Montserrat [font_heading_2] => Montserrat [font_heading_3] => Montserrat [heading_3_weight] => 800 [body_line_height] => 1.8 [heading_2_line_height] => 1.6 [underline_links] => never [use_dynamic_typography] => [header_background_color] => #ffffff [site_title_color] => #222222 [site_tagline_color] => #757575 [content_background_color] => #ffffff [entry_meta_text_color] => #595959 [sidebar_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_background_color] => #ffffff [footer_widget_title_color] => #000000 [footer_text_color] => #ffffff [footer_link_color] => #ffffff [form_background_color] => #fafafa [form_text_color] => #666666 [form_background_color_focus] => #ffffff [form_text_color_focus] => #666666 [form_border_color] => #cccccc [form_border_color_focus] => #bfbfbf [font_manager] => Array ( [0] => Array ( [fontFamily] => Raleway [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700,700italic ) [1] => Array ( [fontFamily] => Montserrat [googleFont] => 1 [googleFontCategory] => sans-serif [googleFontVariants] => regular,italic,700italic,800,800italic ) ) [typography] => Array ( [0] => Array ( [selector] => body [fontFamily] => Raleway [lineHeight] => 1.8 [module] => core [group] => base ) [1] => Array ( [selector] => main-title [fontSize] => 45 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => header ) [2] => Array ( [selector] => h1 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 40 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) [3] => Array ( [selector] => h2 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 30 [fontSizeUnit] => px [lineHeight] => 1.6 [module] => core [group] => content ) [4] => Array ( [selector] => h3 [fontFamily] => Montserrat [fontWeight] => 800 [fontSize] => 20 [fontSizeUnit] => px [module] => core [group] => content ) ) )

Stipendio Pignorato, come funziona?

Perché si rischia di avere lo stipendio pignorato?

Non hai pagato qualche rata a causa di un problema imprevisto e da quel momento sei bersagliato dalle telefonate dei recupero crediti?

Ti hanno detto che se non paghi subito gli arretrati più le spese e gli interessi ti potranno pignorare lo stipendio e adesso sei in preda al panico?

Leggi fino alla fine questo articolo se vuoi sapere come funziona il pignoramento del quinto e se vuoi metterti al sicuro da tutte le sue conseguenze negative, perché la soluzione a questo problema esiste! 

 

Il peso dei debiti nella vita di molti italiani è un fenomeno in crescita, accentuato dalle continue crisi che causano la chiusura di numerose imprese e la perdita di posti di lavoro. 

In questo contesto, il mancato pagamento delle rate può portare a conseguenze gravi e temute, come subire lo stipendio pignorato.

Ho deciso di affrontare in questo articolo il tema della busta paga pignorata perché da diversi mesi abbiamo visto che la maggior parte delle persone che si rivolgono a noi si trovano in gravissime difficoltà proprio per questa ragione.

La pandemia ha portato via centinaia di migliaia di imprese che hanno dovuto chiudere e si sono persi più di un milione di posti di lavoro.

Le cose stanno peggiorando con gli effetti della guerra in Ucraina e delle continue crisi che aumentano.

Quelle famiglie che riuscivano ad andare avanti e potevano rispettare tutte le scadenze, gli impegni mensili e le rate, perché entrambi i coniugi lavoravano, oggi non ce la fanno più, perché sono rimaste con un solo reddito.

Ormai ci capita ogni giorno di parlare con decine e decine di persone che si trovano davanti a delle dure scelte. Devono decidere se 

  • fare la spesa; 
  • pagare l’affitto e le bollette; 
  • oppure pagare le rate dei vari prestiti.

La situazione è davvero drammatica, perché i creditori non stanno con le mani in mano, ma si attivano in tutti i modi per riscuotere i loro soldi.

 

Prima di continuare nella lettura puoi guardare il video su Come Funziona il Pignoramento dello Stipendio, in cui si affronta l’argomento secondo i principi della legge 3/2012 prima che le procedure fossero assorbite dal codice della crisi.

 

Come si arriva ad avere la busta paga pignorata?

Le fasi che conducono a pignorare la busta paga sono sempre una successione di passaggi che creano stress ed ansia.

Chi ha questo problema sa esattamente cosa succede in questi casi.

Prima di tutto iniziano le chiamate dei recupero crediti.

Telefonate invadenti e minacciose, ogni volta più insistenti; perché puntano tutto sulla paura per raggiungere il loro obiettivo.

Ma anche:

  • Avvisi lasciati nelle buche della posta
  • Lettere dai toni falsamente gentili
  • Appostamenti degli agenti di recupero
  • Raccomandate ufficiali di invito a pagamento

Se tutto questo non basta, quindi se non riescono a riscuotere con questi metodi, allora passano all’azione e purtroppo procedono a pignorare lo stipendio.

Come funziona il pignoramento del quinto?

Pignorare lo stipendio è un colpo diretto al reddito mensile di un individuo. 

Chi deve mantenere la famiglia con un solo stipendio, lo stipendio pignorato diventa un vero e proprio disastro.

Proviamo a fare un esempio pratico.

Supponiamo che la paga mensile sia di 1500 €.

Il creditore potrà pignorare un quinto di questo importo, ossia 300 €.

Questo significa che la busta paga sarà ridotta del 20%.

Da 1500 € a 1200 €… fino a quando non si sarà saldato tutto!

 

  • Per quanto tempo si dovrà subire questa riduzione dello stipendio?

Questo dipende dall’ammontare del debito.

Per saperlo esattamente bisogna dividere l’importo da rimborsare per la rata del pignoramento.

Questo impatto finanziario può durare anni.

Ad esempio, per un debito di 20mila euro, pignorando 300 € su ogni busta paga, ci vorranno più o meno 5 anni e mezzo.

È un bel problema, lo so bene!

Ma non è tutto.

Le false credenze sulla busta paga pignorata

Bisogna fare molta attenzione perché Esistono numerose false credenze sul pignoramento dello stipendio.

Ci sono false credenze e leggende metropolitane che spesso vengono usate da professionisti, o avvocati poco esperti in materia, che hanno già creato enormi danni a molte persone che abbiamo incontrato.

È essenziale smentire questi miti per evitare fraintendimenti che potrebbero aggravare la situazione finanziaria.

Succede spesso infatti che l’amico avvocato, per cercare di dare un consiglio, racconti che una volta che lo stipendio è stato pignorato da una banca non può più succedere altro. 

In pratica, quello che dicono in modo pericoloso è che non ci potranno essere altri pignoramenti allo stesso tempo.

Questo è assolutamente FALSO! 

Perché lo stipendio può venire pignorato da più creditori contemporaneamente, ad esempio dalla banca, dall’agenzia delle entrate o da un coniuge, in caso di crediti alimentari.

Un altro mito da sfatare è quello che con un finanziamento con cessione del quinto in corso nessuno potrà pignorare lo stipendio. 

FALSO, ancora una volta: possono pignorare lo stipendio anche se c’è una cessione in corso.

Il limite di pignorabilità dello stipendio è del 50% 

Quindi se si hanno tanti debiti di diversa natura e non è più possibile far fronte a tutto, si corre il rischio concreto di ritrovarsi ad avere lo stipendio dimezzato per tantissimi anni.

Come si fa ad andare avanti in questo modo? 

Impossibile, anche perché non è possibile chiedere un altro prestito per avere della liquidità e tappare qualche buco.

Si risulta già segnalati al CRIF e banche e finanziarie vedono subito che si hanno debiti non pagati.

Una situazione del genere rappresenta un vero disastro, su questo non ci sono dubbi.

Come risolvere il sovraindebitamento e liberare la busta paga pignorata

Esiste una soluzione definitiva al problema dei troppi debiti prevista dalle norme contro il sovraindebitamento!

La legge 3/2012 ha introdotto le procedure contro il sovraindebitamento oggi contenute nel codice della crisi.

È importante capire che, se si hanno più debiti di quelli che si possono pagare, si possono cancellare pagandone solo una parte, secondo le procedure stabilite dalla legge.

Chi vive questo incubo, pensa che non c’è via di scampo, ma non è così!

Oggi è possibile cancellare per sempre tutti i debiti per ripartire pulito.

Queste procedure consentono la cancellazione di liberare lo stipendio pignorato ed anche delle cessioni del quinto ed i creditori non possono più minacciare con quelle telefonate odiose dei recupero crediti.

In pratica le norme contro il sovraindebitamento dicono che se si hanno più debiti di quelli che si possono sostenere e non si riesce a mantenere una vita decorosa, si possono cancellare tutti pagandone solo una parte. 

Solo quello che è davvero possibile!

Non importa se il debito è di milioni di euro e se si ha solo un piccolo stipendio, se si hanno i requisiti per accedere alle procedure previste dal codice della crisi si potrà uscire da questo incubo per ripartire pulito.

Questa è l’unica soluzione definitiva a questo problema, non ci sono altre strade!

[Storia Vera] Come abbiamo liberato Anselmo da 250.000 € di debiti che aveva lo stipendio pignorato con cessione

Il sovraindebitamento sta ormai travolgendo tutta l’Italia e la cosa completamente nuova è che non risparmia più nessuna categoria professionale o ceto sociale.

La categoria dei dipendenti con posto fisso un tempo era quella con tutte le tutele e raramente si sarebbe visto un dipendente pubblico finire nel vortice del sovraindebitamento.

Mai che mai un servitore dello Stato!

Anselmo, poliziotto di cui conosciamo anche gesta di grande serietà e professionalità, a causa di un burrascoso divorsio, si è ritrovato ad essere in sovraindebitamento.

I problemi economici continuavano a crescere e ad accumularsi senza mai dare prova di diminuire.

Tutti i suoi tentativi sono stati vani e i continui prestiti e consolidamenti, per tentare di contenere il problema, un brutto giorno lo hanno portato ad avere la busta paga pignorata!

Non riesce ad andare avanti e arriva al punto in cui Anselmo capisce che deve agire se vuole cambiare le cose.

Nella sua attenta ricerca trova Legge3.it, ma stenta a credere che una legge dello Stato possa togliergli tutti i debiti.

Ripone tutta la sua fiducia nella nostra Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati, fino ad arrivare al risultato da lui tanto desiderato: Anselmo pagherà solo il 20% del debito complessivo in 4 anni e il resto verrà stralciato!

Guarda il video completo in cui dalle sue parole puoi ascoltare la sua storia

Il debito di Anselmo era talmente alto che da solo non ne sarebbe mai riuscito ad uscirne.

Tutti i suoi tentativi di risanare la situazione non hanno funzionato ed anzi hanno solo peggiorato le cose.

Il suo destino sembrava ormai segnato da un debito impossibile da chiudere e pignoramenti di ogni tipo, compreso lo stipendio pignorato che non gli avrebbe più permesso di garantire una vita normale alla sua famiglia.

Anselmo oggi è una persona serena che è tornato a vivere una vita felice con la sua famiglia!

Servizio Sicuro Verificato Il Salvagente

Con il Servizio Sicuro Verificato Il Salvagente Legge3.it mette in evidenza che tutte le attività svolte sono completamente verificate da Il Salvagente, la storica rivista a tutela dei diritti del consumatore.

Ogni testimonianza video ha la presenza del bollino Testimonianza Reale Verificata Il Salvagente.

La verifica avviene su tutti i passaggi e tutte le fasi della lavorazione di ogni pratica. Fasi che devono rispondere a caratteristiche di trasparenza assoluta e garanzie nei confronti del cliente.

Legge3.it è l’unica azienda che in questo settore può mostrare il bollino Testimonianza Reale Verificata Il Salvagente

Testimonianze Clienti

Ci sono molte testimonianze che confermano il lavoro di Legge3.it

Testimonianze che abbiamo raccontato in storie e raccolto nel libro Fatti e Non Parole.

Sono storie che raccontano fatti concreti di chi ha sofferto per i troppi debiti e di come sono arrivati a liberarsi di tutti i debiti ottenendo l’omologa da parte del giudice.

Puoi ottenere gratuitamente Fatti e Non Parole in formato PDF cliccando direttamente sull’immagine qui di fianco. 

Potrai scaricarlo senza dover rilasciare alcun dato personale e potrai leggerlo comodamente sul tuo computer o sul tuo telefono.

Fatti e Non Parole parla di fatti concreti, il libro contiene le sentenze dei tribunali che hanno omologato i piani e anche le lettere di ringraziamento di chi ha raggiunto l’obiettivo.

Prove, con carte alla mano, di cui puoi trovare tutte le prove su questo sito ed anche su tutti i nostri canali social.

Qui in basso puoi vedere quali sono i canali su cui puoi seguirci per rimanere sempre aggiornato e scoprire quali novità ci sono per te.

Scegli il social che preferisci, clicca sull’icona e unisciti a noi!

 

   

 

La Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati

La soddisfazione del cliente è una priorità assoluta per Legge3.it, ecco perché diamo a tutti i nostri clienti la Garanzia del 100% Soddisfatti o Rimborsati.

In questo modo sappiamo di poter garantire la tranquillità di tutti i nostri clienti.

Gli unici veri responsabili di una pratica di sovraindebitamento sono quelli che la portano avanti.

In Legge3.it lo sappiamo benissimo e per questo ci assumiamo la responsabilità del lavoro che svolgiamo e di ogni singola pratica!

Abbiamo liberato 200 persone da 93.998.000 € di debiti che non avrebbero mai potuto pagare!

Ad oggi abbiamo il primato del 100% dei risultati positivi, senza nemmeno un rigetto!

Siamo talmente sicuri di poterti far ottenere il risultato desiderato che mettiamo per iscritto la Garanzia 100% Soddisfatti o Rimborsati.

Significa che se la tua pratica viene per un qualsiasi motivo rigettata, noi ci assumiamo la piena responsabilità e ti restituiamo fino all’ultimo centesimo!

Prenota una consulenza gratuita con gli Specialisti Legge3.it

Lo stipendio pignorato non significa certamente che una persona sia definitivamente rovinata. 

Tuttavia, se oltre al pignoramento del quinto sono presenti altri debiti per cui non si riesce a pagare, allora è certo che ti trovi in stato di sovraindebitamento!

Per risolvere definitivamente questo problema, hai bisogno di consultare consulenti specializzati.

Solo dei veri professionisti che ti sappiano ascoltare, che sappiano comprendere le tue reali esigenze e che sappiano esattamente cosa è meglio fare nel tuo caso possono aiutarti!

Se stai vivendo il problema del sovraindebitamento allora rivolgiti agli Specialisti di Legge3.it per poter ottenere la tua consulenza gratuita

Chiama adesso il Numero Verde

Il numero è sempre attivo, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. 

Chiama in qualsiasi momento e prenota la tua consulenza gratuita... oppure compila il modulo di contatto che trovi qui in basso.

In appuntamento riceverai un mio personale omaggio che ti sarà certamente molto utile per aiutarti a risolvere il tuo enorme problema di sovraindebitamento.

Buona vita!

 

Gianmario Bertollo

 

Modulo Richiesta Informazioni

Nominativo(Obbligatorio)

Dati personali(Obbligatorio)
ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di richiesta informazioni e/o richiesta di consulenza gratuita.
Leggi l'informativa completa. (Specifichiamo che il conferimento dei dati da parte degli utenti è facoltativo, ma è tuttavia indispensabile per l'invio delle informazioni da Lei richieste.)

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Reg. UE 2016/679 per la finalità di Marketing (newsletter, ricontatto)
Acconsenti(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Lascia un commento